Asus Zenfone 3 Max: la nostra recensione

Se cercate uno smartphone non troppo costoso, dalle caratteristiche niente male e facilmente reperibile anche nei negozi fisici, allora l’Asus Zenfone 3 Max è ciò che fa per voi!

Dopo averlo provato per qualche giorno, siamo pronti a dire cosa ne pensiamo nella nostra recensione completa e nella nostra video recensione.

Per altre informazioni vi consiglio di leggere quanto segue.

CONTENUTO DELLA CONFEZIONE 

  • Asus Zenfone 3 Max
  • Alimentatore da 5V/2A;
  • Cavetto per la ricarica;
  • Cavo OTG;
  • Accessorio per aprire lo sportello della SIM;
  • Cuffie in-ear

La plastica protettiva trasparente in alcuni punti si è incollata alla confezione, ma nulla di grave.

Asus Zenfone 3 MaxAsus Zenfone 3 Max

Caratteristiche principali

  • Dimensioni: 149.5 x 73.7 x 8.55 mm;
  • Sistema operativo: Android 6.0;
  • Schermo: IPS da 5.2 pollici;
  • Risoluzione: 1280 x 720 px;
  • Fotocamera: 13 Mpx posteriore e 5 Mpx frontale;
  • Peso: 160 g;
  • Batteria: 4130 mAh;
  • RAM: 3GB LPDDR3;
  • ROM: eMMC 32GB espandibile fino a 32 Gb con Micro sd;
  • CPU: MediaTek Quad-Core;
  • GPU: Mali T720;
  • Bluetooth: 4.0 +EDR;
  • Wifi: b/g/n download fino a 150 Mbit/s Upload fino a 50 Mbit/s.

Asus Zenfone 3 Max

Questo smartphone ha un prezzo che oscilla intorno ai 180 euro; un prezzo accessibile a tutti date anche le specifiche molto allettanti che porta in dote.

Display

Lo schermo IPS da 5.1 pollici rende abbastanza bene. Inclinando il cellulare tuttavia abbiamo un fenomeno di “ingiallimento”, con i colori che virano verso questa variante cromatica, ma nell’uso di tutti i giorni questo non influisce minimamente. Purtroppo lo schermo è solo in HD; sarebbe stato meglio averlo in full HD ma probabilmente avrebbe influito sulla batteria.

Asus Zenfone 3 MaxAsus Zenfone 3 Max

Batteria

A proposito di batteria, voto 9/10 per la durata e per le app create apposta per incrementare la durata. Possiamo gestire l’avvio automatico delle app, bloccarle, potenziare lo smartphone ecc. Tutto ciò è gestito da PowerMaster, che permette addirittura di utilizzare lo smartphone come powerbank tramite il cavo OTG, utile per ricaricare altri dispositivi bisognosi di batteria.

Asus Zenfone 3 Max

Le prestazioni durante le intense fasi di gioco sono buone, si riesce a giocare ad ogni tipo di gioco a settaggi medi senza avere lag, e con la memoria da 32 GB siamo certi che potremo scaricare veramente tanti giochi. Tuttavia, il dispositivo scalda nella parte superiore quando utilizziamo giochi e quando scattiamo foto; per il resto, non abbiamo notato lag durante l’uso normale. Allo stesso modo, anche le pagine web girano bene, sia in modalità mobile che in modalità desktop. Il sensore di impronte posto sul retro funziona la metà delle volte e questo compromette la corretta usabilità.

Asus Zenfone 3 Max

Sappiamo che i benchmark danno solamente risultati indicativi che dipendono da vari fattori, e a volte (come in questo caso) non danno giustizia alle prestazioni del dispositivo. Vediamo un punteggio di 40.121 che non è tantissimo, questo conferma che i benchmark possono essere utilizzati come termine di paragone fino ad un certo punto.

Software

Dal lato software vediamo Android 6.0 con alcune personalizzazioni, come la possibilità di aprire direttamente un’app scelta da noi facendo dei segni sullo schermo da spento. Abbiamo la possibilità di registrare lo schermo aggiungendo anche la facecam mentre giochiamo consentendoci di fare anche lo streaming su Twitch o YouTube. Un’altra personalizzazione ci consente di selezionare gli strumenti da visualizzare nel pannello impostazioni rapide (come wifi, torcia, rotazione automatica ecc.).

Asus ha creato una sezione per poter scaricarei temi gratuitamente cambiando icone e stile grafico dello smartphone, cambiare font e modalità di scorrimento schermata. La tastiera preinstallata ZenUI non è il massimo in quanto non corregge gli errori automaticamente come Swiftkey. Le app preinstallate non sono tantissime: la maggior parte sono di Google (come il lettore musicale, il browser ecc). Tutte le altre sono le tipiche di Asus, come ZenTalk, ZenCircle, ZenChoice.

Asus Zenfone 3 Max

Fotocamera

La fotocamera dello smartphone non è affatto male, oltre alla modalità automatica possiamo scegliere anche queste altre modalità:

  • HDR;
  • Ritratto fotografico;
  • Notturna;
  • Luce bassa;
  • Effetto;
  • Rallentatore.
  • Risoluzione super;
  • Codice QR;
  • Autoritratto;
  • Panorama;

Nella fotocamera anteriore sono disponibili solo le prime 6 modalità. I 13 Mpx posteriori permettono di catturare foto in risoluzione alta che, anche se ingrandite, mostrano abbastanza dettagli per la fascia di prezzo in cui ci troviamo. Di seguito vedrete alcune foto sia in modalità automatica che nelle altre modalità presenti, cliccate sulla foto per vederla in alta qualità.

Asus Zenfone 3 MaxAsus Zenfone 3 MaxAsus Zenfone 3 MaxAsus Zenfone 3 MaxAsus Zenfone 3 Max

Si nota che la funzione Risoluzione Super crea un nitidezza molto accentuata nelle foto, e permette di vedere meglio rispetto alla foto scattata in automatico. Manca purtroppo la modalità manuale, presente in molti altri cellulari in questa fascia di prezzo. Promosso lo sfocato grazie all’apertura del diaframma di f/2.o posteriore e f/2.2 frontale. Le foto al buio, come ci si poteva aspettare, non sono il massimo ma sono comunque godibili.

Conclusioni

Questo smartphone lo consiglio a chi vuole avere delle funzionalità sopra la media ad un prezzo contenuto, potete risparmiare qualcosa comprandolo su amazon tramite questo link.

 

Powered by:

Potete seguirci sulla pagina ufficiale Facebook
e sul nostro canale Telegram.
Potete anche discutere della tecnologia con noi tramite il nostro gruppo Telegram.
Infine, se amate gli smartphone cinesi e le offerte, potete seguirci anche sul canale offerte di Cina Coupon Telegram.
Siamo presenti anche su TecHub.

Autore dell'articolo: Gabriele Orlandini

Gabriele Orlandini, da sempre appassionato di tecnologia con un amore particolare verso il mondo della fotografia. Ha quindi unito queste due passioni creando un canale YouTube chiamato "Breaking App" che tratta proprio queste tematiche.